Disturbo di personalità: approfondimento del cluster C

cluster C

Disturbo di personalità: approfondimento del cluster C

 444 

In questo articolo tratteremo il disturbo di personalità, in particolare ci focalizzeremo sul cluster C. Inizieremo con un’introduzione del disturbo di personalità, per poi focalizzarci sul cluster specifico, sui suoi sottotipi e sintomi.

Cos’è il disturbo di personalità?

Il disturbo di personalità è suddiviso in cluster A, B, C e indica una tipologia di disturbo mentale dove sono presenti pensieri e comportamenti definibili disadattativi che si manifestano in modo continuativo e non limitato a specifiche occasioni. Questi comportamenti coinvolgono le varie parti della personalità dell’individuo colpito, tra cui la percezione del sé e i rapporti affettivi. 

I disturbi di personalità differiscono da altri disturbi in quanto sono generalmente egosintonici, ossia chi ne è affetto difficilmente si rende conto di soffrire di un disturbo e considera quei tratti parte del suo carattere. Ma anche alloplastici, ossia la persona tende a cambiare l’ambiente attorno a sé e non sé stessa. Le cause non sono note, ma l’insorgenza è generalmente dovuta ad affinità genetica o a fattori ambientali.

La risposta a problemi quotidiani con pensieri e azioni che la società considera come devianti o inadatti al sociale crea moltissimi problemi a chi soffre di un disturbo di personalità. Infatti sia che il lavoro, che gli studi che i rapporti affettivi sono difficili da creare e mantenere. Inoltre non avendo coscienza del proprio problema è più difficile che un paziente chieda aiuto per il proprio disturbo. Diventa quindi fondamentale tenere per mano chi soffre di queste patologie e condurlo verso una terapia adeguata. Oltre a ciò, il mancato adattamento alla società e il senso di incomprensione possono provocare in chi ne soffre senso di isolamento, rifiuto, rabbia. Ma anche dipendenze da alcolismo e droghe, autolesionismo, suicidio. In base alla sintomatologia i disturbi di personalità vengono divisi in tre cluster. Oggi tratteremo del cluster C.

Il cluster C

Il cluster C è il sottogruppo del disturbo di personalità che racchiude i comportamenti che risultano agli altri come ansiosi, inibiti, insicuri e perfezionisti fino all’eccesso. Ci sono tre sottotipi di disturbo del cluster C.

Disturbo evitante di personalità: questo disturbo, anche detto disturbo ansioso (evitante) di personalità, è caratterizzato da comportamenti influenzati da una grande inibizione sociale, sentimenti di inadeguatezza e di insicurezza, forte sensibilità nei confronti di critiche o valutazioni esterne e la tendenza ad evitare rapporti sociali ed affettivi. Le persone affette da questo disturbo si considerano inadatte a vivere in società, non attraenti o piacenti come persone e di conseguenza evitano di socializzare per paura di essere ridicolizzati, presi in giro o rifiutati. Nonostante queste difficoltà chi ha questo disturbo desidera fortemente stringere dei legami e avere rapporti sociali. Il disturbo può essere causato da un rifiuto da parte di uno o entrambi i genitori, oppure dalla percezione di essere rifiutato dai propri pari, anche durante l’infanzia.

Disturbo dipendente di personalità: questo disturbo è caratterizzato da una forte dipendenza psicologica da altre persone, da cui il paziente cerca sostegno, protezione, approvazione. Generalmente è una condizione a lungo termine in cui il paziente dipende quasi in totalità da altre persone.  Solo pochi pazienti riescono da soli ad essere indipendenti. Questo disturbo è anche caratterizzato da sentimenti di ansia e paura. In certi casi chi ne soffre cerca di rendersi indispensabile per o dipendente da chi ritiene essere le persone più care per scongiurare un ipotetico abbandono, sperimentando talvolta momenti quasi di ossessione per la ricerca di certezze e sicurezze da parte di altre persone.

Disturbo da personalità ossessivo-compulsiva: gli individui con questo disturbo di personalità sono caratterizzati dalla continua ricerca del perfezionismo. Hanno per sé stessi elevatissimi standard di ordine, precisione, organizzazione e produttività. Chi ne soffre fatica a mostrare le proprie emozioni e tende molto alla critica eccessiva, soprattutto verso di sé. Ciò porta anche alla tendenza al controllo sulle persone, che rende le relazioni familiari e d’amicizia pesanti e complesse. Ma anche ad una forte rigidità mentale ed emotiva e ad una reticenza al cambiamento. Altri sintomi comprendono l’uso continuo di liste, l’accumulo parsimonioso di denaro. A differenza del disturbo ossessivo-compulsivo questo disturbo non comprende pensieri invadenti e ripetitivi o azioni ritualistiche. Può essere causato da abusi o traumi ma anche dalla crescita in ambienti familiari inflessibili e dalle alte aspettative.

Come si cura?

Come per i disturbi del cluster A, la terapia cognitivo comportamentale è quella che fin’ora ha saputo aiutare in modo più effettivo chi è affetto da disturbi del cluster C. La terapia insegna al paziente come identificare i comportamenti e i pensieri disfunzionali, come sviluppare e riconoscere le proprie emozioni e come controllarle con esercizi come la mindfulness; ma anche come apprendere i comportamenti sociali più comuni, aiutandolo/a a reintegrarsi nella società.

Illustrazione di @elesq

***segui la nostra serie di racconti intimi dedicati al tema salute mentale: clicca qui

***#QuarantenaSenzaStigma: racconti di depressione ai tempi del Covid-19: clicca qui

No Comments

Post A Comment