Non ricordo

Non ricordo di Sfogo

Non ricordo

 121 

– di Sfogo

 

I versi di Sfogo raccontano di un tempo infinito che sembra modellarsi sulle giornate che stiamo vivendo da qualche mese a questa parte. “Non ricordo” è la proiezione nell’oggi di un nuovo modo di vedere le cose; la sensazione attuale che, nel bene e nel male, qualcosa irrimediabilmente sta cambiando per sempre.

 

In montagna passeggiare
Il paesaggio ammirare
Senza presagio
Senza disagio
Non lo ricordo

In compagnia mangiare
In intimità amare
Senza dimeno
Senza veleno
Non lo ricordo

Essere alienato
Da me, distaccato
Impaurito
Da ogni rito
Vorrei non ricordarlo

Ma questa è la realtà:
– mi ha usurato
– del futuro, deturpato
– legato all’anormalità,
finché morte non ci separerà

 

✍️ Clicca qui < per leggere altre opere di Sfogo

Immagine di copertina: “Modo de volar” di Francisco Goya.

No Comments

Post A Comment